8.3 C
Bologna
martedì, Dicembre 6, 2022

Buy now

Charme home agenzia immobiliare a Milano

Internazionali di Roma, il sesto sigillo di Djokovic: battuto Tsitsipas

La dedica di Nole al figlio Stefan di 7 anni: oggi anche lui in campo per il suo primo match. Tra le donne la regina è ancora Swiatek

(Crediti foto: Fit)

– Il re torna a vincere, viva il re. Novak Djokovic alza di nuovo un trofeo oltre sei mesi dopo il trionfo su Daniil Medvedev firmato ai Masters di Parigi il 7 novembre scorso. In mezzo, non si è comunque annoiato: chi se lo dimentica quel pasticcio brutto di Melbourne, le polemiche sul vaccino, il Covid (ri)preso, il confino nell’albergo per immigrati, l’espulsione prima del rientro a Belgrado trascinandosi dietro in processione pure la caduta dal trono. Perché Medvedev ne ha approfittato per sottrargli la corona per una manciata di giorni.

 

E poi c’è stato pure chi si interrogava sull’opportunità della sua presenza agli Internazionali, per non lasciar compromettere al ribatezzato ‘no-vax’ l’immagine pulita del torneo. Poi la pandemia è sfumata, lo stato di emergenza pure, il virus chi se lo ricorda più.

Tutte quelle immagini viste con la lente tremolante del Centrale di Roma infuocato sembrano lontanissime. Lo ammette Djokovic: “Questo campo è sempre stato molto speciale per me e mi ha sempre dato gioia e fiducia quando ne avevo bisogno, dandomi le belle energie della città”. Oggi gli ridà anche la vittoria quando il flusso di successi in campo si era interrotto.

 

Il serbo numero uno al mondo ha vinto il torneo maschile degli Internazionali d’Italia di tennis, arrivato alla 79esima edizione, battendo 6-0, 7-6(5) in finale Stefanos Tsitsipas al termine di un’ora e 36 minuti di gioco. Un’altalena di game conquistati a zero ed errori, iniziata con il blackout del greco, irriconoscibile e capace di compiere un errore dietro l’altro, tanto che il primo set, 6-0, va via veloce in appena 32 minuti.

Nella seconda partita, il capovolgimento di fronte. Il numero 5 del ranking Atp si prende una pausa dai punti sprecati, mette a segno subito il primo game, prende fiducia e coraggio ed esce dall’angolo buio in cui si era nascosto nel catino bollente del Foro Italico. Anche il pubblico del Centrale se ne accorge e, per scongiurare l’effetto shock allo spettacolo, l’urlo ritmato è uno solo: “Tsi-tsi-pas, Tsi-tsi-pas”. Ma quando il numero 5 sale miracolosamente fino al 4-1, la musica cambia e sale il coro “Nole, Nole”. Una condanna.

 

Tsitsipas sembra involarsi approfittando nei primi giochi del drastico calo di Djokovic, ma il serbo è velenoso. Mai darlo per domo. Rimonta e si prende un break, ora è sotto di un game e serve per riacciuffare l’avversario sul 5 pari. Detto, fatto. Ma Tsitsipas ci crede ancora, anche quando sul 30-15 per Nole, per la terza volta la racchetta gli fa schizzare la palla in cielo.

 

Sembra che la luce stia per spegnersi ancora ma il game sul servizio portato a casa a zero, gli tiene accesa la speranza. Djokovic non ci sta, è tie break. Dentro o fuori.  Primo punto Tsitsipas, ma poi è un corollario di sofferenza. Una palla finisce a rete, una stecca sul rovescio, l’ace salvifico, poi di nuovo la rete. Ma è comunque 5 pari. Dall’altra parte c’è Djokovic, però, e al match point ci va lui. La diagonale di rovescio di Tsitsipas va in corridoio. Nole è il re di Roma per la sesta volta.

 

“E’ ancora una bellissima giornata – le prime parole di Novak durante la premiazione – Questo campo è sempre stato molto speciale per me e mi ha sempre dato gioia e fiducia quando ne avevo bisogno, dandomi le belle energie della città. Grazie mille Roma”. Poi i ringraziamenti di rito alla famiglia: “Lo so che io sono l’unico che va in campo ma voi contribuite ai miei successi”. E per ultima, dolcissimo pensiero, la dedica al figlio Stefan, 7 anni. “Oggi anche lui alle 4 giocava la sua prima partita… spero abbia vinto. Questa vittoria è per lui”.

 

Al serbo sono andati i complimenti di Tsitsipas. “Non pensavo di arrivare in finale- ammette il greco- Congratulazioni Nole per tutto quello che hai raggiunto, proverò a fare il mio meglio per cercare di imitarti. Sei un modello, solo qualche anno fa ti ho incontrato in allenamento e non pensavo di arrivare a dividere questo campo così prestigioso con te. Pochi anni fa ero uno di voi lassù- ha detto indicando il pubblico del Centrale, in alto- e ora sono qui”.

 

“Congratulazioni a te, è dura perché so che oggi volevi vincere il titolo- gli ha risposto Djokovic- Sei un grande giocatore e vincerai molti molti trofei nella tua carriera, qui a Roma e nel mondo. Te lo meriti”.

LEGGI ANCHE: Binaghi attacca Malagò: “Ha cercato di indirizzare Draghi per danneggiare gli Internazionali di Roma”

TRA LE DONNE VINCE ANCORA SWIATEK

È ancora Iga Swiatek la regina di Roma. La numero uno al mondo ha vinto il torneo singolare femminile della 79esima edizione degli Internazionali d’Italia di tennis. In un’ora e 23 minuti di gioco, la polacca ha battuto la numero 7 al mondo Ons Jabeur 6-2 6-2. È il secondo successo consecutivo sulla terra rossa del Foro Italico per Swiatek.

 

“Sono fiera di me stessa, davvero- le sue parole- All’inizio del torneo non sapevo se sarei riuscita a mantenere l’imbattibilità. Sono molto felice di esserci riuscita, passo dopo passo, e di essermi concentrata solo sulle cose giuste da fare”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici su:

22,366FansLike
3,597FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -Monopattino elettrico da 500w con ruota da 10 pollici autonomia 55km

B&B Amalfi Coast Salerno al centro di Salerno

Cartolibreriashop.it - articoli di cancelleria - forniture per ufficio - registri buffetti

acquistare mi piace facebook e follower instagram

Zainetto.net vendita on line di zaini antifurto + usb

Ultimi Articoli