20.3 C
Bologna
domenica, Ottobre 2, 2022

Buy now

Charme home agenzia immobiliare a Milano

Parchi. La Regione sceglie l’ambiente e stanzia 3,6 milioni di euro per progetti di tutela e valorizzazione

Destinatari gli Enti di gestione. Lori: “Turismo slow in forte crescita”. In primo piano la biodiversità

foto di Marco Nerieri, archivio Agenzia di informazione e comunicazione Giunta regionaleCirca 2.700 specie diverse di piante, oltre 350 specie animali,  una grande varietà di habitat naturali: foreste, zone umide, fiumi, laghi, montagne. Per la sua particolare collocazione geografica l’Emilia-Romagna presenta una straordinaria ricchezza di biodiversità.

Un patrimonio che la Regione vuole tutelare e valorizzare sia sul piano ambientale, sia promuovendo  forme di turismo slow, attento e consapevole.

Va in questa direzione il nuovo Programma di investimenti per i parchi e le aree protette  approvato dalla Giunta regionale e che mette a disposizione 3,6 milioni di euro per il triennio 2021-2023.  Risorse che si aggiungono ai quasi 4,5 milioni di euro già assegnati a marzo come contributo 2021 per le spese di funzionamento e di gestione degli Enti parco.

Una precisa scelta di campo a favore dell’ambiente visto anche come occasione di crescita e di sviluppo sostenibile per l’intero territorio regionale. Dopo la drammatica esperienza della pandemia, la pietra angolare di una ripartenza che sarà tale solo se sarà anche green.

Destinatari delle risorse i cinque enti di gestione dell’Emilia OccidentaleEmilia Centrale, Emilia Orientale, Romagna, Delta del Po,  oltre al Parco interregionale Sasso Simone Simoncello.

Ovvero le realtà cui fa capo una buona parte dell’estesa rete delle aree protette, presente in Emilia-Romagna: 14 parchi regionali3 parchi nazionali e interregionali15 riserve naturali34 aree di riequilibrio ecologico158 siti della Rete Natura 2000. Pari a oltre il 16% dell’intero territorio emiliano-romagnolo.

 

Il 30% delle risorse alla biodiversità

Interventi per la rete escursionistica e cicloturistica; installazione e manutenzione della segnaletica; strutture quali torrette di avvistamento e capanni per l’osservazione della fauna. E ancora: acquisizione, oltre che riqualificazione e risanamento ambientale di aree di pregio naturalistico. Fornitura e  installazione di attrezzature per ridurre i danni prodotti dalla fauna.

Questi alcuni degli interventi che potranno essere finanziati dalla Regione. Ma con una precisa indicazione: almeno il 30% dell’importo complessivo dei progetti candidati dovrà essere destinato a favore della conservazione della biodiversità.

Per presentare i propri interventi, gli Enti di gestione dei parchi hanno tempo fino al 30 giugno. L’importo minimo di ciascuno dovrà essere di 40 mila euro e il contributo regionale potrà arrivare a coprire fino ad un massimo del 90% della spesa ammissibile.

Le risorse verranno assegnate a ciascun Ente di gestione per il 60% sulla base della superficie delle aree protette e per il 40% sulla base del numero, oltre a una quota fissa pari a 150mila euro.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici su:

22,366FansLike
3,506FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -Monopattino elettrico da 500w con ruota da 10 pollici autonomia 55km

B&B Amalfi Coast Salerno al centro di Salerno

Cartolibreriashop.it - articoli di cancelleria - forniture per ufficio - registri buffetti

acquistare mi piace facebook e follower instagram

Zainetto.net vendita on line di zaini antifurto + usb

Ultimi Articoli