15.1 C
Bologna
mercoledì, Settembre 28, 2022

Buy now

Charme home agenzia immobiliare a Milano

Il concertone per l’Ucraina a Bologna sarà a numero chiuso

Per partecipare all’evento del 5 aprile sarà necessario prenotarsi. Il 7 aprile l’evento sarà trasmesso su Rai 3

Sarà a numero chiuso il concertone per l’Ucraina del 5 aprile in piazza Maggiore. “Ci sono ancora limiti nella capienza del piazza”, spiega infatti il sindaco di Bologna Matteo Lepore all’indomani dell’annuncio. Per accedere alla piazza sarà dunque necessario prenotarsi: nei prossimi giorni sarà l’amministrazione comunale a formalizzare tutte le indicazioni del caso. “Parallelamente- fa sapere Lepore, oggi a margine di una conferenza stampa- stiamo organizzando una campagna locale di raccolta di beni di prima necessità che ci sono stati richiesti dal sindaco della città di Kharkiv, che ci ha scritto”.

Difficile pensare al momento ad un collegamento diretto con l’Ucraina, magari proprio con la città gemellata con Bologna, durante la serata di martedì. “Per loro- rileva infatti il primo cittadino- è molto difficile collegarsi, anche solo fare delle telefonate, visto che sono sotto i bombardamenti”. In questi giorni con l’amministrazione di Kharkiv “ci stiamo scrivendo via mail per concordare una modalità di aiuto. Sicuramente anche il concerto ci permetterà di dare enfasi a questa cosa”. E’ questo, sottolinea ancora Lepore, “il contributo concreto che la città può dare”.

IL CONCERTO

Appuntamento il 5 aprile in piazza Maggiore per l’evento l’evento “Tocca a noi – Musica per la pace” che sarà poi trasmesso il 7, in prima serata, su Rai 3 e su Rai Radio 2. Sarà “una maratona di musica e spettacolo a sostegno di Save the children per aiutare i bambini colpiti dalla guerra in Ucraina“, spiegava ieri la nota che annuncia la manifestazione, nata da una proposta del gruppo La rappresentante di lista accolta dal Comune di Bologna e dalla Regione Emilia-Romagna.
L’evento, a ingresso gratuito, è prodotto da Per – Associazione promoter Emilia-Romagna con la partecipazione di Estragon club, Locomotiv club, Studio’s e Woodworm.

La serata “vedrà alternarsi sul palco alcuni tra gli artisti italiani più amati- continua la nota- che hanno deciso di unirsi per ricordare, ancora una volta, l’urgenza di fermare le violenze che da settimane colpiscono drammaticamente le bambine, i bambini, le donne e gli uomini dell’Ucraina e sensibilizzare giovani e meno giovani ad attività di dialogo e di cooperazione, di costruzione costante della pace nel mondo”. Oltre a La rappresentante di lista si esibiranno Brunori Sas, Diodato, Elisa, Elodie, Fast animals and slow kids, Gaia, Gianni Morandi, Noemi, Paolo Benvegnù, Rancore, The zen circus e altre “sorprese” ancora in cantiere. L’evento sarà condotto da Andrea Delogu, con la partecipazione di Ema Stokholma, Marco Baliani e Daniele Piervincenzi. L’iniziativa, che ha il supporto di Rai per il sociale, ha l’obiettivo di raccogliere fondi per Save the children che sta operando in Ucraina con la distribuzione di aiuti sia ai bambini e alle loro famiglie tuttora nel Paese, sia che a quelli che sono fuggiti nelle aree limitrofe.

Chiunque potrà contribuire donando due euro con un sms al 45533 dal proprio cellulare e cinque o dieci euro chiamando lo stesso numero da rete fissa. Si potrà inoltre dare il proprio contributo attraverso il sito internet di Save the children. “Siamo certi che il pubblico darà il suo contributo. Perché tocca a noi fare qualcosa per i bambini colpiti da questa violenza insensata, così come bisogna fermarla. Ora”, dichiara la direttrice generale dell’organizzazione, Daniela Fatarella.

“Abbiamo voluto sostenere ed ospitare fortemente questa iniziativa- ha detto ieri il sindaco Lepore- per dare un contributo concreto, per raccogliere fondi da destinare ai più fragili, a chi in queste ore scappa da una guerra che non avrebbe dovuto conoscere. Ma anche per lanciare un messaggio di speranza che, levandosi da piazza Maggiore, attraverso il linguaggio universale della musica, attraverso le parole e la semplice presenza, possa superare i confini”. L’idea di una manifestazione musicale è nata con l’intento “non solo di raccogliere fondi da destinare a una ong come Save the children, impegnata in prima linea nei territori colpiti dalla guerra- sottolinea La rappresentante di lista- ma di radunare artiste, musicisti, cantanti, giornalisti, attori e pubblico attorno a un ideale comune, quello di un mondo in cui i conflitti vengano risolti senza l’uso delle armi“. Quando c’è bisogno di solidarietà e di tendere la mano a chi è in difficoltà, “l’Emilia-Romagna non si volta dall’altra parte e risponde sempre presente. Lo facciamo anche in questa occasione- rimarca il presidente della Regione, Stefano Bonaccini- con l’obiettivo di aiutare le vittime innocenti di una guerra assurda e ingiustificata, che chiediamo cessi al più presto”.

fonte agenzia dire.it

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici su:

22,366FansLike
3,502FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -Monopattino elettrico da 500w con ruota da 10 pollici autonomia 55km

B&B Amalfi Coast Salerno al centro di Salerno

Cartolibreriashop.it - articoli di cancelleria - forniture per ufficio - registri buffetti

acquistare mi piace facebook e follower instagram

Zainetto.net vendita on line di zaini antifurto + usb

Ultimi Articoli